Diario di una lesbica (quarta parte)

cover

Gli organi sessuali di una lesbica sono i cinque sensi. Mentre Marianne mi attira a se per farmi sedere sul divano, così da potermi montare a cavalcioni – il tutto continuando a baciarmi sulla bocca imperterrita, inarrestabile -, faccio l’amore con lei guardandola negli occhi e in tutte le parti del suo giovane corpo che riesco a intravedere sotto vestiti … Continua a leggere

Diario di una lesbica (terza parte)

cover

L’organo sessuale di una lesbica è la lingua. Quando mi capita di eccitarmi per una ragazza o un’altra donna, di desiderarla sessualmente, è la mia bocca prima di ogni altra parte del mio corpo che vuole possederla. Le mie labbra, la mia lingua, si inumidiscono, la mia salivazione aumenta. E non è sbagliato o eccessivo dire che sbavo. Per l’oggetto … Continua a leggere

Memorie di una giovanissima lesbica – Interludio

cover

Ho quattordici anni, e sono seduta sul cesso nel bagno di casa dei miei genitori. Ho le mutandine abbassate alle caviglie, la camicia da notte aperta sul davanti. Il mio seno, che da qualche tempo è sbocciato, fa capolino dalla scollatura. Da circa un anno ho scoperto che il mio corpo non è più quello di una bambina, e che … Continua a leggere

Diario di una lesbica (seconda parte)

cover

Devo essere completamente imbecille. Ma che cazzo ho nella testa??? E’ il mantra che mi ripeto per tutta la strada fino al salone massaggi. La scena che ho appena vissuto si ripete nella mia mente. Ad ogni replay, ad ogni passo che metto in fila uno davanti all’altro con sempre minor spavalderia. Con sempre maggiore inquietudine, che alla fine del … Continua a leggere

La serva viziosa e la guardona (quinta parte)

spiare

Sono seduta sul letto, completamente nuda. Una gamba giù, una su, con il piede appoggiato sul materasso. Mi sto mettendo lo smalto alle dita. Ho passato il pomeriggio cercando di farmi bella, almeno per quanto può esserlo una tardona come me. MI sono lavata, dappertutto, depilata, cosparsa di tutte le creme e unguenti che posseggo, cercando di rendere la mia … Continua a leggere

Diario di una lesbica (prima parte)

cover

Ho voglia di una puttana. Sesso mercenario libero da qualsiasi complicazione sentimentale. Un corpo di donna morbido, sinuoso e profumato, dedicato al mio piacere per quanto io sia disposta a pagare. Una femmina di cui essere cliente, più che amante. Un orgasmo che non lascia strascichi, complicazioni, sensi di colpa. Le mie notti sono quelle tormentate che il desiderio acuito … Continua a leggere

Aurora, amore di zia (prologo)

e9bce31a9d6380652f18457712fa81d6

Maria è completamente nuda, accoccolata a fianco al lettino sul quale giace distesa, anche lei tutta nuda, la ragazza a cui sta succhiando le dita dei piedi. La ragazza avrà si e no sedici anni. E’ immobile, ad occhi chiusi, il suo seno graziosamente modellato e sormontato dai capezzolini eretti si solleva e ricade velocemente, lasciando immaginare un respiro affannoso, … Continua a leggere

La serva viziosa e la guardona (quarta parte)

spiare

Mi sono svegliata dolorante, infreddolita. Più che addormentarmi, ho perso conoscenza dopo l’ultimo orgasmo. E’ buio pesto, dalla mia parte del muro. Di là invece c’é luce, e ci sono nuovamente dei rumori. Segno di attività……. sessuale, ad occhio e croce. Per questo ho sognato Serena e Adela……chissà…… Ho inglobato nel sogno ciò che sento accadere dall’altra parte del Muro … Continua a leggere

Scoprirmi lesbica, scoprirmi voyeuse

dcf971ff9653dd395d8ffc2cce65f5dc.2

Scoprirmi lesbica a tredici anni. Ritrovarmi emozionata, eccitata, tremante di fronte ad un giornaletto con sopra disegnate due donne che fanno l’amore, mentre la mia mano scende incerta e timorosa, ma vogliosa, verso il mio piacere…. un piacere che ancora non conosco, ma da cui brucio dalla voglia di essere travolta. Imparare giorno dopo giorno che la mia adolescenza sarà … Continua a leggere

La serva viziosa e la guardona (terza parte)

spiare

Adela giace nuda sul letto, a pancia sotto e gambe aperte. Dal mio spioncino posso vederla tutta. Posso ammirare tutto il ben di Dio che la sua posizione mette in mostra. Il suo corpo è slanciato, sensuale, rigoglioso. Così come giace adesso è un invito alla lussuria, all’erotismo più raffinato e più sfrenato. Sono una donna. Una donna può violentare … Continua a leggere